Lotta ai topi e ai ratti

I roditori costituiscono la maggior parte dei mammiferi, 2.277 specie, pari al 41% dei mammiferi totali.
Sono un gruppo molto eterogeneo sia per dimensione che per habitat, di conseguenza possono presentare caratteristiche fisiche differenti.

La classe murina, topi e ratti, ha convissuto con il genere umano già all'alba dei tempi, ma non è mai stata una convivenza facile, anzi quello che abbiamo cercato di fare è contenere l'invasione.

Conosciamoli meglio

Visto che il problema è molto sentito e diffuso, vogliamo coinvolgervi in un viaggio alla scoperta del mondo murino:

1 - Quali sono le specie più diffuse;

2 - I luoghi maggiormente infestati: le nostre case, garage o giardini;

3 - Che danni possono procurare alla nostra salute e a quella delle nostre case;

4 - Tecniche di lotta: come proteggersi e scongiurare l'intrusione.

Le specie più diffuse

In termini di diffusione i Roditori sono in numero nettamente superiore, nella categoria dei mammiferi, avendo colonizzato quasi la totalità delle terre emerse. Vantano circa 2.300 specie su una totalità di poco più di 5.400, solo in Italia se ne possono trovare 30 appartenenti a 6 famiglie distinte. Sono animali sociali, vivono in gruppi, anche se non molto grandi, con un'organizzazione basata sulla gerarchia e la territorialità in base al sesso, all'età e alle dimensioni, con individui dominanti e subordinati.

I topi che comunemente infestano le nostre abitazioni possono essere:

il Topolino Domestico (Mus Musculus),

il Ratto Nero o Ratto dei Tetti (Rattus Rattus),

il Ratto delle Fogne o Surmolotto (Rattus Norvegicus).

Come distinguerli?

Il Topolino Domestico (Mus Musculus) è la specie che identifichiamo più di frequente nelle nostre abitazioni. Di piccola taglia circa 6-10 cm, è molto curioso e agile, pesa tra i 12-24 gr, di color grigio-nero e ventre più chiaro, ha un muso appuntito, occhi piccoli e tondi e orecchie pronunciate senza peli. La coda è più lunga del corpo di quasi 10 cm.

Il Ratto Nero o Ratto dei Tetti (Rattus Rattus) è un animaletto che può raggiungere più di 30 cm. Abile arrampicatore, presenta un corpo agile e snello, pesa circa 130-280 g. Muso appuntito, occhi grandi e sporgenti, orecchie sviluppate senza peli, può essere di color marrone-grigio o grigio-nero con il ventre più chiaro. La coda è più lunga del corpo di circa 28 cm.

Il Ratto delle Fogne o Surmolotto (Rattus Norvegicus) è più grande del Ratto nero, è più corpulento. Può superare anche i 500 gr di peso e i 30 cm di lunghezza, coda esclusa. Di color marrone o marrone-grigio ha il ventre più chiaro, muso arrotondato, occhi piccoli e orecchie corte con peli fini. La coda è più corta del corpo, circa 21 cm.

Specie più diffuse di topi

I luoghi maggiormente infestati dai topi

La maggior parte delle infestazioni da roditori sono caratterizzate da segnali tipici: rumore di graffi nelle pareti, nelle soffitte, nei garage; odori strani; escrementi. Nel periodo invernale i topi si avvicinano ed entrato nelle nostre abitazioni per ripararsi dal freddo, vengono anche attratti da tracce di cibo e dai rifiuti lasciati negli angoli. A seconda delle loro dimensioni varia il loro habitat, le abitudini alimentari nonché lo stile di vita.

Topolino Domestico (Mus Musculus)

Date le sue piccole dimensioni si muove con agilità nelle intercapedini, controsoffitti, negli impianti elettrici, attorno alle tubature idrauliche, ovunque possa trovare un riparo comodo e sicuro per stanziare il proprio nido, che costruisce con soffici tritumi di carta, stoffa e foglie secche. Riesce a colonizzare ogni recesso di stalla, fienile, cantina, soffitta, cucina, dispensa, guardaroba, magazzini. Si nutre di ogni genere alimentare, ma anche semi e bacche che può trovare nei giardini. Vive solitamente nelle case rurali o di periferia, ma possiamo trovarlo anche in città. Lo possiamo trovare nascosto anche in piccoli contenitori o elettrodomestici lasciati in cantina.

Ratto Nero o Ratto dei Tetti (Rattus Rattus)

Agile e flessuoso è un ottimo scalatore e può capitare di vederlo mentre attraversa i fili tesi a mezz'aria. Può costruire il nido sugli alberi che contornano la casa o in giardino, frequenta preferibilmente i tetti, le soffitte, i balconi e le pergole. Penetra negli edifici agricoli specie se contengono derrate alimentari o animali domestici da stalla. Con i primi freddi entra nelle nostre case in cerca di cibo e per ripararsi. Il nido è costruito in modo grossolano, molto ampio e di forma rotonda, con trucioli di legno, pezzetti di carta, stoffa, erba e foglie secche. Si nutre di cereali, frutta fresca, ma anche rifiuti alimentari.

Ratto delle Fogne o Surmolotto (Rattus Norvegicus)

La sua corporatura robusta lo trova impacciato nelle arrampicate, ma è un abile scavatore. Si diletta a formare gallerie sotterranee che batte per rifugiarsi e creare il nido. È anche un infaticabile nuotatore. Vive preferibilmente nelle periferie lungo i corsi d'acqua, nei fossi con vegetazione e nelle discariche. Colonizza una grande varietà di ambienti legati all'uomo come discariche, fogne, mattatoi, mercati, banchine ferroviarie, è molto adattabile. Predilige le parti basse degli edifici. Vive in tane ampie e profonde con spazi per le riserve di cibo e il nido. Si nutre di tutto: semi, frutta, radici, rifiuti urbani...è un vero spazzino. È molto prolifico e in periodi favorevoli riesce ad estendere il periodo riproduttivo per quasi tutto l'anno. La gestazione dura ca. 20 gg al termine della quale la femmina partorisce una decina di piccoli, privi di pelo, che diventano maturi sessualmente dopo circa 3 mesi; poche ore dopo il parto la femmina è già nuovamente feconda e pronta per una nuova nidiata.

Luoghi maggiormente infestati

I danni per la nostra salute e quella delle nostre case

Topi e ratti sono portatori di parassiti pericolosi per la nostra salute, perché affetti da agenti patogeni facilmente trasmissibili agli esseri umani. Generalmente la trasmissione avviene attraverso i loro escrementi, ma anche attraverso morsi e urina.

Gli escrementi possono contaminare facilmente cibo, oggetti di uso quotidiano e superfici varie con batteri e virus che si diffondono a contatto con la pelle, le mucose o l'apparato respiratorio. Inoltre possono essere loro stessi malati e quindi vettori di altre malattie facilmente trasmissibili.

Le principali malattie trasmissibili attraverso topi e ratti sono:

Salmonella: trasmessa attraverso cibi infettati dagli escrementi.

Leptospirosi: trasmessa dal ratto delle fogne infetto.

Tifo murino: trasmessa delle pulci del ratto.

Colera: trasmessa dal virus Vibrio Cholerae attraverso cibi infettati dagli escrementi del ratto e del topolino domestico.

Peste: trasmessa dalle pulci del ratto.

I topi sono caratterizzati dal loro istinto di rosicchiare e dalla loro curiosità. Gli incisivi crescono continuamente, da qui la loro necessità a rodere tutto quello che capita loro a tiro. I danni derivati dal loro rosicchiare interessano tutta la casa e tutto il suo contenuto: cavi ed impianti elettrici, allarmi danneggiati, impianti idrici, struttura portante e non dell'edificio, mobili, tappezzeria, vestiti, oggetti di uso quotidiano, cibo, spazzatura, ecc.

Tecniche di lotta

Il risultato più sicuro ed efficace per il controllo di topi e ratti è dato dalle Esche RodenticideADAMA Casa e Giardino ti consiglia la qualità della sua pasta frescaEfficaci con una singola ingestione per ambienti domestici, civili e industriali.

Semplicemente letale!

Esche Kollant

La qualità della pasta fresca è data dagli ingredienti di alta qualità. Farine ed additivi di alto grado alimentare che donano all'esca un elevata appetibilità. FARINA di qualità, è il principale elemento per rendere gustosa e allettante l'esca.
AROMI/ECCIPIENTI migliorano l'appetibilità e la consistenza dell’esca e ne aumentano la stabilità del principio attivo.
OLIO importante per l’appetibilità, rende l’esca estremamente morbida.

Le prove di efficacia hanno mostrato un elevata gradevolezza da parte dei roditori, spesso superiore a quella della dieta standard e dei bocconi non avvelenati.

Le informazioni contenute, sono di carattere informativo e non sostituiscono quanto riportato nell'etichetta del prodotto. L’utilizzatore è tenuto a leggere attentamente le avvertenze, le dosi e le modalità d’uso riportate sulla confezione del prodotto. Il rispetto delle istruzioni riportate sulla confezione è essenziale per il corretto utilizzo del prodotto stesso per evitare danni alle piante, alle persone e agli animali. Kollant S.r.l. declina ogni responsabilità dall’uso improprio del prodotto o nel caso in cui il prodotto venga impiegato in violazione di qualsiasi norma.
Top